fbpx
Istantanee: Merende all'ombra dei pioppi - Mago Farina
2557
post-template-default,single,single-post,postid-2557,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpshopify,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-2573

Istantanee: Merende all’ombra dei pioppi

Sotto tre pioppi è passata la mia infanzia. Ombra, frescura, mormorio di foglie luccicanti e soffici batuffoli ai miei piedi.
Bastava sedersi lì sotto, su un telo, e fare merenda. Un succo di frutta e qualche biscotto da sgranocchiare. Bastava poco alla mia infanzia per essere felice.

Adesso da uno di quei tre pioppi, abbattuti anni fa, ne è nato un nuovo esemplare. Giovane eppure già orgoglioso e rigoglioso nella sua tenacia.

Mi piace pensare che in qualche modo ci conosciamo. Le sue radici affondano nel terreno e nel passato.

Prima di lui i suoi predecessori hanno assistito al cambiamento degli eventi, taciturni, caparbi fino alla fine. Il vuoto lasciato dalla loro scomparsa improvvisa è stato attenuato dalla rapida comparsa e crescita di questo pioppo che ha saputo nascere e svilupparsi oltre la fine dei precedenti.

Mi piace pensare che adesso questo albero nuovo e antico, radicato alla vita con tutte le sue forze, è parte di me e mi accompagnerà nel futuro, lungo la strada, anche da lontano. E chissà che sotto la sua fronda mormorante, al fresco della sua ombra quieta, non passeranno altre infanzie, altri destini bambini che saranno felici d’essere lì, a fare merenda.