I grani antichi e l'assimilazione degli zuccheri - Mago Farina
2301
post-template-default,single,single-post,postid-2301,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Gabriele Cini chef

I grani antichi e l’assimilazione degli zuccheri

Gabriele Cini chef

Gabriele Cini

La riscoperta dei grani antichi è dovuta ad una nuova presa di coscienza che è merito della ricerca scientifica in campo alimentare.

Sopratutto appare importante comprendere come la macinatura del grano, specie se fatta con macine a pietra, permetta di conservare al meglio tutte le caratteristiche nutrizionali del grano stesso. Se il chicco viene macinato con la sua crusca originale si tratta di una vera farina integrale o di tipo 2; dunque, non si tratta di una farina “00”, con l’aggiunta successiva di una qualche crusca non originaria, bensì della crusca naturale del grano stesso.

Questa diversa struttura e composizione permette una più graduale assimilazione degli zuccheri da parte dell’organismo, limitando così la velocità d’innalzamento del picco glicemico.

Mago Farina usa le farine migliori, per dare un prodotto salubre e rispettoso del chicco di grano, come della salute dei consumatori.