Alcuni miti da sfatare - Mago Farina
2267
post-template-default,single,single-post,postid-2267,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Gabriele Cini - biscotti versilia

Alcuni miti da sfatare

Gabriele Cini - biscotti versilia

La tradizione ci ha lasciato tante buone ricette da apprezzare e riscoprire. Con le nuove conoscenze, oggi siamo in grado di migliorare ulteriormente quanto tramandatoci dalla tradizione.

Siamo abituati a pensare che la pasta frolla si faccia ponendo il cosiddetto “vulcano di farina” sulla spianatoia, all’interno del quale si vanno ad aggiungere il resto degli ingredienti della ricetta; con questo sistema tuttavia la farina viene lavorata a lungo e rilascia i suoi componenti più capaci di assorbire acqua e formare del glutine.

Per evitare quanto sopra, bisogna impastare prima solo burro e zucchero, poi aggiungere i tuorli, oppure le uova, così come recita la vostra ricetta e, dopo aver creato un composto omogeneo, unire la farina, lavorandola solo quel poco che basta per unirla e formare un composto omogeneo.

È bene tenere presente che una ulteriore lavorazione sarà rappresentata da quanto è necessario lavorarla, al momento in cui viene tirata al matterello o con la sfogliatrice.

Se non ve la sentite, affidatevi al Mago: lui è già da un bel po’ che ha tirato fuori dal suo cilindro i procedimenti migliori.