A tu per tu con Mago Farina. La qualità delle materie prime. - Mago Farina
2308
post-template-default,single,single-post,postid-2308,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Mago Farina - biscotti versilia

A tu per tu con Mago Farina. La qualità delle materie prime.

Mago Farina - biscotti versilia

Continua il nostro reportage dietro le quinte del biscottificio artigianale versiliese. Vogliamo conoscere meglio chi ha fatto della propria passione una professione.

 

Alessandro, cosa rende speciali i tuoi biscotti? Perché hai scelto di valorizzare proprio i prodotti locali?

La qualità delle materie prime. L’assenza di farina 00 penso possa già essere un carattere distintivo rispetto ad altri, poi l’assenza di conservanti, margarina o altre sostanze poco genuine. Inoltre l’utilizzo dei grani antichi permette di realizzare un prodotto più digeribile (soprattutto per chi ha problemi di intolleranza al glutine) e dal sapore antico, come quello di una volta. 

Quanto è importante per un piccola e giovane impresa come la tua fare rete con le altre realtà territoriali?

È fondamentale. Io e la mia compagna lo stiamo sperimentando giorno dopo giorno. Per esempio acquistando le farine da un mulino locale (Molino Angeli di Pietrasanta) ci sono molteplici vantaggi: a partire dalla valorizzazione del lavoro delle piccole e medie imprese locali alla riduzione dell’impatto ambientale dovuto al trasporto delle materie prime. Alcuni ingredienti, come le mandorle e le nocciole, provengono dalla Sicilia, dal Piemonte e dalla Campania, regioni che hanno fatto della coltivazione e della lavorazione di questi prodotti un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale.

Tuttavia anche più vicino a noi, nella zona della Garfagnana, ci sono numerosi prodotti che non hanno nulla da invidiare a quelli delle grandi marche (farine macinate a pietra, miele, marmellate…) che vengono prodotti e lavorati in maniera semplice e genuina come faccio io con i biscotti. 

Sonia, qual è la cosa più bella che vi abbiano detto ultimamente?

Qualcuno ci ha detto che i nostri biscotti sembrano fatti in casa. Credo sia uno dei complimenti più importanti che ci abbiano fatto perché è proprio il nostro obiettivo poter trasmettere la semplicità e la genuinità delle tradizioni attraverso un biscotto capace addirittura di rievocare un ricordo d’infanzia! Ne approfitto per ringraziare tutti coloro che ci sostengono. Grazie di cuore, per noi è importantissimo!

Cosa intendi nello specifico con “ricordo d’infanzia”?

Più persone assaggiando i nostri biscotti, in questo caso i “Sapor d’Autunno” con farina di castagne della Garfagnana, hanno esclamato, meravigliate: “Sembra di tornare indietro nel tempo, quando la mia nonna faceva i necci!” Molto spesso siamo di fretta, e anche il nostro ritmo alimentare è conseguenza dei tempi ridotti e della freneticità che la quotidianità ci impone. Ecco, in questo caso è bastato un assaggio e un’attenzione in più a ciò che abbiamo in mano e che dovrebbe nutrirci. Un tuffo nei ricordi e nelle cose che restano impresse.

Non solo cibo quindi ma un vero e proprio percorso nella tradizione di una terra e di una cultura che ha ancora tanto da darci e da insegnarci, non solo per quanto riguarda l’alimentazione.

Credo sia imprescindibile oggi come oggi cercare di riappropriarci di uno stile di vita più “slow”, più vicino ai cicli naturali e quindi più autentico, spogliato di gran parte del superfluo materiale e non che ingombra la nostra vita e il nostro pensiero. Non è certo semplice: è un atto che richiede consapevolezza e un notevole sforzo ma ne va del nostro benessere fisico e mentale.